Email

[email protected]

Phone

+39 02 55014101

Sede Italiana

Via G. Donizetti, 4
20122 Milano IT

maspero masterplan per il distretto triangolare

maspero masterplan per il distretto triangolare

Immagini

Progetto

Stefano Boeri Architetti

Luogo

Cairo, Egitto

Anno

2015

Tipologia

Masterplan

Credits

Stefano Boeri Architetti

Partners:
Stefano Boeri
Michele Brunello

Project leaders:
Francesca Cesa Bianchi
Moataz Faissal Farid

Team:
Jacopo Colatarci
Mario Tan

In collaboration with:

baukuh
Matilde Cassani
Maria Chiara Pastore
Shimaa Salhash
Tarek Waly

Engineering:
FM – ingegneria

Mobility:
Systematica

Model:
Sebastiano Conti Gallent

Il Maspero Masterplan si basa su 5 punti fondamentali.

1. Proponiamo uno scambio di proprietà che consenta agli investitori privati ​​di sviluppare il lungomare del Nilo – con l’eccezione di un nuovo museo – e al tempo stesso consenta al settore pubblico di assicurarsi la proprietà del quartiere popolare, potendo così riqualificare l’area utilizzando i ricavi delle vendite del terreno lungo il fiume e la tassazione sui profitti immobiliari. Questo scambio permette di non spostare gli abitanti dal quartiere popolare.

2. All’interno del quartiere popolare – che dopo lo scambio di proprietà apparterrà interamente al settore pubblico – proponiamo una serie di piccoli interventi di restauro e completamento. Tali interventi non comprometteranno l’identità del territorio ma, al contrario, porteranno nuova vita al quartiere con l’introduzione di altre attività produttive, come laboratori per artigiani e servizi. Nella riqualificazione dell’area saranno inoltre sperimentate nuove tecnologie di costruzione.

3. Negli spazi tra il quartiere popolare e il lungofiume proponiamo di sviluppare una serie di nuovi insediamenti residenziali, dove la classe media del Cairo – che negli ultimi anni ha lasciato il Downton cittadino – potrebbe tornare a una nuova, intensa vita metropolitana, direttamente collegata con le attrazioni del centro e del nuovo lungofiume.

4. Proponiamo un nuovo lungofiume fatto di torri residenziali, che terminerà con un hotel nella parte settentrionale del distretto triangolare di Maspero. Al centro del lungofiume è previsto un museo, che potrebbe essere sviluppato in stretta collaborazione con analoghe istituzioni internazionali e che combinerà una nuova piazza pubblica aperta sul Nilo, una piattaforma elevata per i laboratori, gli atelier per la produzione artistica e un sistema di spazi espositivi raggruppati in un volume circolare.

5. Immaginiamo un sistema di nuove isole verdi lungo il fiume che conterrà spazi pubblici aperti alla città e un nuovo Orto Botanico in quota, che coprirà il colossale interscambio stradale che separa il distretto triangolare di Maspero dal Museo Egizio.