Email

[email protected]

Phone

+39 02 55014101

Sede Italiana

Via G. Donizetti, 4
20122 Milano IT

SMART FOREST CITY CANCUN

SMART FOREST CITY CANCUN

Immagini

Progetto

Stefano Boeri Architetti

Località

Cancun, Messico

Cliente

Grupo Karim’s

Credits

Progetto
Stefano Boeri Architetti
Partner
Stefano Boeri
Francesca Cesa Bianchi

SBA – Milan -Design team
Team Leader: Carlotta Capobianco
Team: Yulia Filatova, Sara Gangemi, Hana Narvaez, Federico Panella, He Ruoyu, Mattia Tettoni, Mario Tan

SBA – Research team:
Project Director: Maria Chiara Pastore. Design Team: Giovanni Nardi, Luis Pimentel, Simone Marchetti, Livia Shamir

SBA – Shanghai team:
Project Director: Pietro Chiodi. Design team: Mohamed Yasser Elsarif

Mobility: MIC - mobility in chain Partners Federico Cassani

Landscape: Studio Laura Gatti Partners: Laura Gatti

Images: The Big Picture Federico Biancullo

Il progetto della Smart Forest City di Cancun si presenta come la pianificazione urbana di una nuova Città Foresta in Messico, che si estende per 557 ettari, in grado di ospitare fino a 130 mila abitanti. L’area metropolitana accoglie 362 ettari di superfici vegetali e 120.000 piante appartenenti a 350 specie diverse, su disegno di una città aperta e internazionale ispirata ai valori dell’innovazione tecnologica e della qualità ambientale. Grazie ai nuovi grandi parchi, infatti, ai tetti giardino ed alle facciate verdi, il suolo adibito a verde e quello costruito coprono aree equivalenti, restituendo alla vegetazione un’ampia porzione di territorio su cui sarebbe dovuto sorgere un grande centro commerciale. Il disegno della nuova Città Foresta include un polo ad alto valore di innovazione dove si insediano dipartimenti universitari, organizzazioni, laboratori e aziende che nel mondo si stanno occupando dei grandi temi della sostenibilità ambientale e del futuro del pianeta. Al suo interno, inoltre, trovano luogo centri di ricerca e sviluppo destinati a ospitare studenti e ricercatori provenienti non solo dalle università messicane, ma dalle accademie più qualificate del mondo.

La Smart Forest City è pensata come un insediamento autosufficiente dal punto di vista energetico mediante un anello perimetrale di pannelli fotovoltaici e un canale di acqua collegato con un impianto ipogeo al mare che permettono di alimentare la città in modo sostenibile. Tale scelta permette di sviluppare un’economia circolare intorno al tema dell’utilizzo dell’acqua, elemento chiave del progetto, che viene raccolta all’ingresso della città con una grande darsena e una torre di desalinizzazione per poi essere successivamente distribuita in un sistema di canali – anche navigabili – permettendone la diffusione nell’intero insediamento e l’irrigazione dei campi agricoli circostanti. La nuova Città Foresta è all’avanguardia anche dal punto di vista della mobilità grazie ad un articolato sistema di trasporto che prevede che sia i residenti che i visitatori lascino ai bordi della città ogni veicolo a combustione e che la mobilità interna sia unicamente elettrica e semiautomatica.

Il progetto è pensato secondo i principi di un Urbanistica Non Deterministica: definite le grandi invarianti della struttura urbana – relative alle infrastrutture energetiche, alla mobilità, al verde, ala presenza dei principali nuclei di ricerca e sviluppo, al diritto di ogni abitante ad avere a disposizione tutti i servizi ad una distanza pedonale e ciclabile congrua – la città prevede una grande flessibilità nella distribuzione delle diverse tipologie edilizie ad architettoniche. Smart Forest City di Cancun si presenta come un giardino botanico, all’interno di una città contemporanea, basato sull’eredità tradizionale locale e sui suoi rapporti con il mondo naturale e sacro. Un ecosistema urbano in cui natura e città si intrecciano e agiscono come un unico organismo lasciando spazio alla vegetazione selvaggia che si colloca all’interno del suolo pubblico e viene considerata come un elemento fondamentale nella progettazione.

Risulta imperante la necessità umana di trovare soluzioni che comportino una prospettiva mutevole sul modo in cui le attività vengono svolte, dal modo in cui produciamo al modo in cui consumiamo. Il percorso verso beni e servizi dematerializzati e disintossicati può essere riassunto dalle quattro R: riduzione, riparazione, riutilizzo e riciclo. La Smart Forest City affronta tali esigenze di sviluppo, consentendo l’istruzione e l’empowerment economico – in particolare delle donne – sviluppando soluzioni, stili di vita e comportamenti radicalmente più eco-efficienti a partire dalla riduzione della domanda complessiva di energia e dalla diminuzione di produzione di rifiuti.

La Smart Forest City di Cancun adotta la filosofia di E. Glissant relativa al concetto di Mondialité, facendola diventare uno dei pilastri della sua fondazione, al fine di favorire la ricerca e gli scambi tra paesi. Con Mondialité si intende la non appartenenza a patrie esclusive o nazioni bensì a Luoghi– composti di tempeste linguistiche, divinità libere, terre native non prestabilite, lingue e geografie scelte e tessute tra terre e visioni – di cui la Città Foresta entra a far parte, abbracciando la creolizzazione come una forma di spinta per lo sviluppo sociale ed economico, permettendo a concetti di accessibilità e mixité di coesistere nello stesso spazio. Concepito come un campus, il progetto diviene un’importante opportunità ed un grande investimento per arricchire il capitale umano e legato alla ricerca, pianificato su alcune caratteristiche essenziali e sulle strutture dei processi di urbanizzazione. Impianti di trattamento delle acque, produzione del cibo, giardini d’inverno, innovation path, canali navigabili, hub della mobilità, desalinizzazione e sistemi capillari di giardini pubblici e privati si intrecciano come elementi di innovazione e tradizione.

Press release