Email

[email protected]

Phone

+39 02 55014101

Sede Italiana

Via G. Donizetti, 4
20122 Milano IT

urban hugs | radura 02

urban hugs | radura 02

Video

Progetto

Stefano Boeri Architetti

Luogo

Milano, Italia

Anno

2017

Cliente

OIKOS, White in the city - Fuorisalone 2017

Tipologia

Installazione

Commissione

Progetto e realizzazione

Un Recinto per Abbracciarsi

Urban hugs è uno spazio per abbracciarsi.

Per staccare per pochi secondi le reti delle interazioni sociali e abbracciarsi. Per abbandonare per qualche secondo la solitudine metropolitana e abbracciare qualcuno: un amico, uno sconosciuto, un amore, un’amante, un figlio, una nonna, il fioraio, la barista, la capoufficio, il Ghisa.

Urban hugs è uno spazio per stringersi, accompagnati dal violoncello di Piero Salvatori, in un abbraccio liberatorio. Un recinto per abbracciarsi protetti dal traffico, ma non esclusi dalla vita urbana, grazie ai fusti dei boschi del Friuli.

Per il Fuori Salone del Mobile 2017, Stefano Boeri Architetti ha creato un prototipo di spazio pubblico destinato a ospitare e promuovere il gesto dell’abbracciarsi.

Urban hugs è una declinazione di Radura (il recinto di cilindri di legno di abete realizzato nel cortile della Ca’Grande nel 2016) che sarà realizzata per Oikos con la Filiera del Legno del Friuli nel Cortile d’Onore della Pinacoteca di Brera, in via Brera 28 a Milano.

Una micro-architettura, realizzata totalmente in legno, che definisce il limite fisico dove potersi fermare e isolare dai ritmi della quotidianità. Il prototipo di luogo “minimo” che è insieme aperto e permeabile alla vista, ma personale e intimo nella fruizione. Uno spazio per due.

Urban hugs è quindi realizzata in collaborazione con Innova FVG, ente pubblico economico con sede in Friuli Venezia Giulia che promuove e stimola la ricerca e l’innovazione tecnologica del territorio montano a favore dello sviluppo economico, in collaborazione con la Regione Friuli Venezia Giulia e con le aziende della Filiera del Legno FVG. Quest’ultima è una realtà che promuove il legno delle montagne del Friuli Venezia Giulia per le sue eccellenti caratteristiche, sostenendo le aziende che operano lungo tutta la filiera e perseguendo una politica ambientale virtuosa che prevede un governo dei boschi in selvicoltura naturalistica.

Urban hugs è anche un’istallazione sonora.
 Un insieme di frequenze capaci di mitigare i suoni della città trasportando il visitatore in un’atmosfera più intima e personale.

Nelle ore serali, Urban hugs diventa un circolo luminoso. Un sistema di illuminazione, inserito tra i vari elementi lignei che costituiscono la struttura, creano la quinta ideale dove potersi incontrare, conoscere e isolare.

Urban hugs è una struttura composta da 95 cilindri di legno del diametro di 6 cm e altezza di 4 m circa che costituiscono il perimetro di uno spazio al tempo stesso permeabile e intimo. Le colonne sono ancorate al suolo grazie ad una pedana in legno circolare, alta circa 30/40 cm, con un diametro esterno di 2,2 metri ed uno interno – dove trovano spazio i suoni e le luci – di 1 metro.

Urban hugs è l’idea di uno spazio dove fermarsi. Un luogo tranquillo.
È il progetto di uno spazio aperto e permeabile. Un luogo da vivere.
È un dispositivo per diluire l’intensità dei flussi e degli spostamenti. Un luogo per il benessere.
È uno spazio intimo dove potersi incontrare. Un luogo da abitare.
È l’esperienza di un’atmosfera sonora in contrappunto con il contesto. Un luogo da contemplare.
Urban hugs è uno spazio per essere vicini. Uno spazio per abbracciarsi.