Email

[email protected]

Phone

+39 02 55014101

Sede Italiana

Via G. Donizetti, 4
20122 Milano IT

mettitutto

mettitutto

Immagini

Video

Progetto

Stefano Boeri Architetti

Luogo

Milano, Italia

Anno

2017

Cliente

Annibale Colombo s.r.l.

Tipologia

Design del prodotto

Commissione

Concept, Progetto preliminare/definitivo/esecutivo, Direzione artistica

Credits

Gruppo di Progetto: Stefano Boeri (Founding partner), Giorgio Donà (Project Manager); (team) Francesca Motta, Elisabetta Zuccala, Karolina Kolodziej, Maddalena Maraffi, Esther Shi;
Immagini: Francesco Mattuzzi
Video: The Blink Fish
Grafica brochure: Stefano Boeri Architetti S.r.l.
Grafica copertina: Mario Piazza per 46xy
Logo: Mario Piazza per 46xy

Mettilo sul Mettitutto”; “è nel cassetto del Mettitutto”;
sta sopra il Mettitutto”; “sarà finito sotto il Mettitutto”;
fai attenzione ai vetri del Mettitutto”: che cos’è un Mettitutto
l’ho imparato da uno dei maggiori storici dell’arte del XX secolo,
Luciano Bellosi, in una vecchia casa che guarda dall’alto
il Sacro Monte di Varallo: sarà stato il 1995 o giù di lì.
All’inizio non capivo di cosa lui parlasse quando usava quella parola:
ora – nella mia vita – c’è il Mettitutto di Stefano Boeri 
e non c’è più Luciano Bellosi. 

Giovanni Agosti

 

Reinterpretazione di un mobile tipico della tradizione domestica italiana come la credenza, il Mettitutto è un “dispositivo-soglia” che assorbe la moltitudine degli oggetti quotidiani. Il progetto definisce infatti un elemento d’arredo rotante capace di accogliere utensili e accessori che chiedono uno spazio di raccolta temporanea quando si rientra a casa: chiavi, guanti, caramelle, cellulari, cavi e spine di ricarica, auricolari, portafogli, occhiali, cappelli, caschi, riviste, giornali, pacchi, lettere, inviti, biglietti da visita. Realizzato in legno, vetro e pelle, il mobile-contenitore è caratterizzato dalla scaffalatura aperta sui due lati e dal sistema modulare di cassetti e ripiani. Disponibile con o senza luce LED incassata (anche con uscita USB), la famiglia è prevista in tre dimensioni (h 190/150/110 cm) ed è personalizzabile in varie colorazioni del vetro e finiture esterne e interne della scocca. Libera anche la composizione di sei tipologie di contenitori e cassetti: ogni elemento può essere posizionato ai diversi livelli del mobile o sulle singole mensole. A ciascun cassetto è possibile abbinare uno o più accessori, attingendo alla vasta gamma studiata per ottimizzare l’archiviazione degli oggetti. Il programma comprende anche una serie di molle che possono essere incastrate nello spessore delle mensole per appendere elementi di vario genere.

 

Press release