Email

[email protected]

Phone

+39 02 55014101

Sede Italiana

Via G. Donizetti, 4
20122 Milano IT

centro polivalente e di protezione civile di norcia

centro polivalente e di protezione civile di norcia

Immagini

Progetto

Stefano Boeri Architetti

Luogo

Norcia, Italia

Anno

2016 - 2017

Cliente

“Un aiuto subito. Terremoto Centro Italia 6.0” – Corriere della Sera – TgLA7

Tipologia

Architecture, interior design

Commissione

Concept, Progetto preliminare, definitivo, direzione lavori

Superficie

Area di progetto: 6.000 sqm; SLP 450 sqm

Credits

Consulenti Ing. Mirko Degano,
Ing. Loris Borean (Progettazione strutturale); Paolo Zuccolo (Progettazione impiantistica); Sandro Stefanini (Progettazione urbanizzazioni); GAD srl (Valutazioni economiche)
Gruppo di progetto Stefano Boeri (founding partner), Corrado Longa (project leader), Marco Giorgio, Julia Gocalek, Daniele Barillari, Hana Narvaez
Immagini Paolo Rosselli, Giovanni Nardi

Il Centro Polivalente e di Protezione Civile di Norcia è un edificio emergenziale progettato da Stefano Boeri Architetti all’interno di un più vasto progetto per la valorizzazione economico culturale del territorio nursino, ed è stato realizzato grazie ai fondi della campagna “Un Aiuto Subito. Terremoto Centro Italia 6.0”, promossa da Corriere della Sera e TG La7.
Concepito come spazio destinato alla Protezione Civile, per assicurare al Comune di Norcia un luogo sicuro di raccolta degli abitanti durante l’emergenza sismica, il Centro è stato costruito in poco più di tre mesi e consegnato alla cittadinanza il 30 giugno 2017. Attualmente è utilizzato come centro polifunzionale e destinato al Comune e alle associazioni locali, per la ripresa delle loro attività. Distribuito su una superficie di 450 metri quadrati, il fabbricato ospita due sale polivalenti divise da un blocco servizi centrale.

Il progetto è caratterizzato dalla ricerca di armonia e continuità dei materiali e delle forme con quelle del territorio circostante. Realizzato in legno, per garantire la reversibilità dell’opera, e dotato di ampie vetrate, l’edificio è coronato da una dinamica copertura a falde, che riprende l’andamento sinuoso dei circostanti Monti Sibillini. Materiale a elevata resistenza e flessibilità, il legno risponde in primo luogo all’esigenza di ottenere una struttura costruttiva antisismica. Nello specifico, lo scheletro portante del Centro è in lamellare di abete, con rivestimento in pannelli di larice: essenza che nel tempo assume per ossidazione un cromatismo cangiante che si accorda con le tonalità naturali. Sui lati lunghi contrapposti si alternano due facciate strutturali, costituite da ampie vetrate a elevata resistenza sismica. Le cromie naturali e la trasparenza del vetro sintetizzano una volontà di simbolica riconciliazione tra uomo e natura.

La posizione geografica del Centro, vera porta di accesso al Parco delle ‘marcite’ e al sistema di sentieri benedettini, fa sì che l’edifico assolva a una funzione di valorizzazione ambientale, oltre che economica e culturale.

Press release