Email

[email protected]

Phone

+39 02 55014101

Sede Italiana

Via G. Donizetti, 4
20122 Milano IT

In evidenza WORLD ECONOMIC FORUM | IL BOSCO VERTICALE DI MILANO STA ISPIRANDO IL MONDO

WORLD ECONOMIC FORUM | IL BOSCO VERTICALE DI MILANO STA ISPIRANDO IL MONDO

27 ottobre 2017

La rivoluzione verde ispirata dal Bosco Verticale di Milano ideato da Stefano Boeri è oggetto dell’articolo pubblicato sul sito del World Economic Forum, l’Organizzazione Internazionale per la cooperazione pubblico-privato finalizzata al miglioramento dello stato mondiale, che coinvolge politica, finanza, industria e società a livello globale.

Dal 2104 nel cuore di Milano sorge il Bosco Verticale: due torri residenziali che ospitano nei balconi 800 alberi, 4.500 arbusti e 15.000 piante.
L’equivalente, per esteso, di 20.000 m2 di foresta – la dimensione di tre campi da calcio e mezzo.

Ideato dall’architetto Stefano Boeri, il concetto di Bosco Verticale si è rivelato così popolare che progetti simili sono stati commissionati a Losanna in Svizzera, Utrecht nei Paesi Bassi e nelle città cinesi di Nanchino e Liuzhou.
Liuzhou Forest City è il progetto più ambizioso: una nuova città con case per 30.000 persone, dove gli edifici saranno coperti da 40.000 alberi e 1 milione di piante, in grado di assorbire 10.000 tonnellate di CO2 e 57 tonnellate di inquinanti ogni anno e di produrre 900 tonnellate di ossigeno.
Secondo il team di Stefano Boeri Architetti il progetto architettonico ha anche la funzione di diminuire la temperatura media dell’aria, creare una barriera dall’inquinamento acustico e favorire la biodiversità creando un nuovo habitat urbano per uccelli, insetti e piccoli animali.

La riduzione dell’inquinamento e l’aumento della biodiversità sono stati due dei temi chiave che hanno determinato la popolarità del Bosco Verticale nelle città di tutto il mondo e un seguito di progetti green.

Nella stessa Milano all’ombra del Bosco Verticale sta sorgendo dal terreno una nuova biblioteca. Non piena di libri, ma una “Biblioteca degli Alberi”. La trasformazione della piazza nel cuore del quartiere di Milano Porta Nuova è iniziata con la piantagione di semi nel mese di settembre e sarà seguita da alberi e piante a novembre.
In totale ci saranno 450 alberi da 19 specie, più 90.000 piante, tra cui siepi, arbusti e arrampicatori.
Quando sarà completato l’anno prossimo, la Biblioteca degli Alberi sarà uno spazio verde di 3.500 m2 nel cuore di una città che si riporta sempre più alla natura.

La baia dei giardini di Singapore dispone di 18 “supertrees” – strutture fatte dagli uomini tra i 25 ei 50 metri che ospitano pannelli solari, display leggeri e migliaia di piante. I grandi baldacchini funzionano come moderatori di temperatura, assorbono e disperdono il calore.Essi forniscono anche riparo dal clima caldo di Singapore ai visitatori che camminano sotto.

Ma non è solo il benessere fisico che è aiutato da grandi strutture verdi nelle nostre città.
Il team del “giardino verticale” alto di 100 metri di Sydney afferma che è una nuova forma di “architettura vivente” che ci ricorda “l’impatto che la natura ha sulle nostre anime”.

Ed è un tema attuale e riconosciuto che vivere vicino agli alberi e alle piante sia salutare per le nostre anime; studi in Germania hanno suggerito che può essere estremamente utile per i nostri cervelli.
Gli scienziati hanno esaminato le sequenze di immagini cerebrali di 341 residenti anziani di Berlino, concentrandosi in particolare sull’amigdala – la parte del cervello che controlla le nostre risposte di paura ed è responsabile di disturbi d’ansia e ansia.
Hanno trovato che vi era una forte correlazione tra i residenti che vivono a 1 km dalle foreste ai margini della città e quelle con l’amigdala più sana.
Un amigdala sana significa essere meno inclini agli stress e ai disturbi d’ansia controllati da questa parte del cervello.
Disturbi dell’umore e dell’ansia, così come la schizofrenia, sono fino al 56% più elevati negli ambienti urbani rispetto alle località rurali.

Prevedendo che due terzi della popolazione mondiale vivrà nelle città entro il 2050, la biblioteca degli alberi di Milano potrebbe mostrare al mondo un modo per creare spazi urbani più sani e più felici.

https://www.weforum.org/agenda/2017/10/milan-s-tree-covered-skyscrapers-are-inspiring-the-world/?utm_content=buffer0e563&utm_medium=social&utm_source=twitter.com&utm_campaign=buffer