Email

[email protected]

Phone

+39 02 55014101

Sede Italiana

Via G. Donizetti, 4
20122 Milano IT

Rassegna stampa CHICAGO TRIBUNE | IL BOSCO VERTICALE ESEMPIO DI INNOVAZIONE

CHICAGO TRIBUNE | IL BOSCO VERTICALE ESEMPIO DI INNOVAZIONE

11 settembre 2017

Il Chicago Tribune pubblica un’interessante inchiesta sul boom edilizio dei grattacieli. Se la crescita immobiliare dell’ultimo ventennio a Chicago manca di innovazione architettonica e tecnologica, al contrario a Milano spicca l’esempio positivo del Bosco Verticale. 
Di seguito l’articolo integrale di Blair Kamin.

Il cielo è coperto da un branco di gru in costruzione. La popolazione del centro sta crescendo. Lo skyline sta cambiando e così la struttura della vita cittadina. Una generazione fa, la via di West Madison è stata la Skid Row di Chicago popolata di senzatetto e baracche. Adesso è una “chic strip” di ristoranti di sushi, studi di ciclismo, asili nido e c’è una gelateria gourmet. Ma la cifra architettonica è costituita da alti palazzi inesorabili che hanno dato adito a critiche di monotonia. Nel distretto di River North, il vecchio ristorante di Ed Debevic, dei più freddi anni Cinquanta, conosciuto per le gomme, i camerieri e le cameriere da ballo,  è stato sostituito da una torre residenziale,  con cunei di vetro a sbalzo, che assomiglia a un gioco Jenga a metà. Eppure quell’edificio è un’anomalia tra le altezze,  tra le forme abitative-finanziarie che spuntano altrove nel quartiere e intorno alla città. Così va nella Great Chicago Building Boom della  Post-Recessione. Una serie di grattacieli, la cui  stragrande maggioranza degli alloggi affittati come appartamenti crea un nucleo urbano densamente popolato – chiamato Super Loop – e che si spinge ben oltre i confini del centro storico. Ma il Super Loop non è super almeno per un aspetto: manca di quella innovazione tecnologica ed estetica, che ha dato a Chicago la reputazione di culla dell’architettura moderna. Mentre il Sindaco Rahm Emanuel si prepara a ospitare la seconda edizione di una Biennale di Architettura globale che esporrà idee di design all’avanguardia, molti grattacieli si fondano su statiche formule commerciali.

Ci sono delle eccezioni, come la Vista Tower, dell’architetto Jeanne Gang di Chicago, una montagna di vetro sfalsata che nel 2020 – quando i lavori  saranno terminati – diventerà il terzo edificio più alto della città. Ma la qualità delle opere costruite in città è determinata molto più dall’edificio tipico che da quello eccezionale. E troppi di questi sono ancora espressioni di architetture banali e fragili, così sostiene l’architetto Cass Gilbert, che sottolinea: un grattacielo “è una macchina che fa rendere il terreno”. Consideriamo, però, il lato positivo del boom edilizio, che è stato oscurato dalla violenza che grava nelle zone Ovest e Sud di Chicago. Per gli amanti della città, che credono che la densità, invece che l’estensione, sia il modo ideale per ridurre l’uso delle auto, risparmiare energia e fermare gli effetti del cambiamento climatico, ci sono i migliori esempi: quasi 229.000 persone vivono in un’area centrale limitata dal lago Michigan ad est, dall’autostrada Stevenson a sud, Avenue Ashland a ovest e da North Avenue a nord, secondo un’analisi dei dati sulla popolazione elaborata per il Tribune da Chicago-based di  Rob Paral. Il che rappresenta un aumento, dal 1990, di oltre 82.000 persone – più della popolazione di Evanston. Tre quarti del business dal 2000 riguarda l’incremento di costruzioni residenziali di alto livello – in primo luogo condomini, poi, dopo la recessione, appartamenti in affitto – che ripristinano il nucleo della città. Considerato da solo, il Super Loop costituirebbe la seconda città più grande dell’Illinois, superando facilmente l’attuale numero 2 Aurora, che ha circa 201.000 residenti. L’aumento della popolazione si riflette  (letteralmente) nello skyline e nelle sue miriadi di torrette di vetro.

A partire dal 2010, si sono edificati qui più di settanta edifici ed è iniziata la costruzione di almeno altri quaranta in tutta la città – la maggior parte nell’area del Super Loop, secondo le cifre compilate per il Tribune da parte del Consiglio Chicago-based sugli edifici alti, il grattacielo è l’abitato urbano  più utilizzato in tutto il mondo, poiché queste strutture sono limitate nelle loro costruzioni ad un massimo di dodici piani, ciò rallenta l’impatto del boom dell’edificio. Sul sito precedente degli Harpo Studios di Oprah Winfrey nel West Loop, Sterling Bay, per esempio, ha eretto una sede a nove piani per McDonald’s Corp.  Il palazzo si sviluppa sopra le vecchie industrie dell’azienda che danno all’area la sua identità in virtù della sua posizione ad ovest della Kennedy Expressway, allargando  il centro  ben oltre i suoi confini. Le tre zone di costruzione più attive sono quelle del distretto del fiume North, il West Loop e il South Loop. Il Loop, che si è classificato al quarto posto, è il luogo di nascita del grattacielo e ancora il luogo dove i turisti si affollano per viaggi guidati da docenti per esplorare il suo sviluppo.

Pochi avrebbero predetto questa esplosione nove anni fa, quando la Grande Recessione ha bloccato lo sviluppo dello skyline della città, che lasciò al centro un’ imbarazzante buca nel terreno – ancora inutilizzato – nel cantiere di Chicago Sparrow, progettato da Santiago Calatrava, che doveva essere un grattacielo condominiale di 2.000 metri di altezza.

Mentre l’economia si è rafforzata, i costruttori si sono spinti a capitalizzare la domanda di vita della città, in particolare per la generazione dei millenials. Segni rivelatori  della loro presenza sono l’eleganza, lo stile dei  2oenni che camminano con piccoli cani e spingendo passeggini girando su bici Divvy.

“E’ la ri-urbanizzazione dell’America”, ha detto John Lahey, presidente di Solomon Cordwell Buenz, un’impresa con sede a Chicago che si specializza in residenze di alto livello. Si evidenzia anche uno spostamento nella mappatura urbana della città: ovvero  i luoghi in cui prima abitavano i poveri e gli operai sono ormai diventati scintillanti case dei ricchi. I prezzi di affitto rimangono  ancora molto alti, mentre sulla costa sono meno costosi. L’amministrazione cittadina, lo scorso mese ha proposto un programma pilota per poter dare alloggi a prezzi accessibili nelle zone centrali,  vicino all’area Nord,  a quella Ovest e lungo la Milwaukee Avenue. Ma cambiare la traiettoria del mercato non sarà facile.

E ‘anche difficile rivivere l’eredità dei boom del passato di Chicago, che nel 1880 produsse i primi grattacieli e negli anni ’60 e ’70, fu pioniera di progressi  che consentivano a pilastri architettonici come la Willis Tower di salire ad altezze senza precedenti. Mentre la fama della città come fonte di innovazione deriva principalmente dai suoi alti edifici per uffici e dalle torri residenziali, come ùi rinomati  Ludwig Mies van der Rohe a 860 e 880 North Lake Shore Drive, che continuano a mantenere una loro influenza.  Il boom edilizio è ancora molto basso, lontano da quei livelli elevati. A ovest del viale del Michigan del Nord, nell’area di River  North, ha prodotto la crescita di una moltitudine di case di cemento accatastate sopra i garage e le aree di  parcheggio – questo  è quanto fatto dall’ex Sindaco Richard M.

Daley è stato costretto a impegnarsi nel 2002  a dire che non ci sarebbe stato  più “nessun edificio brutto”. La nuova ondata di torri non è brutta, ma è ispiratrice e innovativa? Difficile a dirsi. Per valutare il suo impatto, dirigiti verso la North Wells Street in River North, dove tre appartamenti altolocati, svanendo, hanno trasformato un avamposto nel degrado della cultura dell’auto. Un motel di Howard Johnson si insinua tra la polvere per fare strada ai 34 piani dell’Exhibit on Superior. Un glorioso Planet Hollywood (poi Gino’ East), originariamente ornato di versioni metalliche di riflettori in rosa e verde, è stato sostituito da The Gallery on Wells e si trasformerà in un grattacielo di 39 piani. E il freddo tema di Ed Debevic è calato su 23 piani al 640 North Wells, vetri che catturano l’attenzione.

A differenza dell’approccio automobilistico dei loro predecessori, alcuni di questi edifici introducono tocchi di urbanistica orientata ai pedoni. Exhibit on Superior, ad esempio, si arretra da Wells, facendo posto ad una macchia di verde e alle sedute di un ristorante che crea uno spazio aperto molto funzionale. Gli appartamenti avvolgono il perimetro del podio del garage, del parcheggio della torre, evitando il terribile aspetto a parete. Al 640 North Wells, il garage è rivestito in una porcellana raffinata. L’amministrazione della città ha incoraggiato tali modifiche con nuove norme e linee guida di progettazione.

“Credo che ci siano state poche lezioni apprese dal boom edilizio pre-recessione”, ha dichiarato David Reifman, Commissario del Dipartimento di Pianificazione e Sviluppo della città. Eppure non puoi legiferare il buon design. La galleria di Wells, degli architetti di Loewenberg, è fondamentalmente una ripresa delle gigantesche torri dell’azienda sopra ai garage del parcheggio. È rivestito solo di mattoni in un  debole tentativo di relazionarsi con gli edifici di basso rango del vicino quartiere di gallerie da cui prende il nome.

Exhibition on Superior, di Architettura bKL, è un edificio ordinario, anche se con una serie più sofisticata di mattoni. 640 North Wells, di Hartshorne Plunkard Architecture, almeno spicca con il suo aspetto scultoreo audace. Alex Milanoski, Presidente dell’associazione dei residenti del Nord, un gruppo di cittadini che controlla la nuova costruzione, spera che l’aumento della densità, portato dalle nuove torri, attirerà nuove imprese che possano riempire i negozi della zona. Ma i nuovi grattacieli, a suo avviso, hanno reso questo tratto di Wells “abbastanza cavernoso”. “Apprezzo la densità più elevata”, ha detto Milanoski, “ma sicuramente deve essere gestita in modo consapevole”. Gli amministratori della città stanno cercando di trovare un equilibrio nel West Loop in crescita, che attrae molti visitatori dalla parte del ristorante Randolph Street e del quartiere di Fulton Market, ma sta lottando per mantenere la sua identità, che per prima ha reso quelle aree interessanti. Tra il 2000 e il 2016, la popolazione del West Loop è salita da 4.409 a 10.860; il numero di unità immobiliari è salito da 2.111 a 6.408; e il numero di famiglie con bambini è salito da 234 a 613 .Questi dati sono contenuti in un progetto di linee guida per lo sviluppo urbano di West Loop che il Dipartimento di pianificazione e sviluppo ha emesso lo scorso mese.

Le linee guida sono suggerite, secondo il progetto, da una preoccupazione generale sulla perdita di carattere e scala esistenti nel West Loop, su densità e altezza di nuovi edifici, necessità di accedere alla luce solare, mancanza di spazio aperto e architettura monotona. In risposta, le linee guida richiedono di evitare i bruschi cambiamenti in altezza e di costruire torri più alte e più sottili, per consentire a più luce solare di penetrare al livello stradale. Un tale approccio può fare una differenza significativa, come illustrato da 1001 S. State St., un salone a 40 piani South Loop appartamento di Solomon Cordwell Buenz. In contrasto ad una gigante torre in mattoni lungo la strada, l’esterno dell’edificio è spezzato in curve a forma di chitarra, rivestito di vetro e inclinato su un angolo, per offrire agli abitanti vedute della Willis Tower. Anche se la base del 1001 South State contiene un garage, è aperto in diagonale con un’area di sedute al pian terreno,  che porta di colpo vita alla strada in una sezione del South Loop, vitalità che manca lungo il fiume Nord e West Loop. Come 640 North Wells, 1001 South State adatta la formula tower-on-a-parking-podium con un buon effetto. Ma rimane uno spostamento marginale, non fondamentale. Altrove in tutto il mondo, gli architetti stanno esplorando nuovi paradigmi. A Milano, i grandi balconi di un complesso residenziale a due torri chiamato Bosco Verticale contengono centinaia di alberi, così come migliaia di arbusti e di piante. Il progetto, realizzato da Boeri Studio, riprende il concetto di “architettura biologica”, che si basa su facciate ricoperte di vegetazione, piuttosto che su muri convenzionali e sistemi meccanici, per filtrare la luce del sole, controllare le temperature e risparmiare energia.

A Singapore, un complesso residenziale chiamato Riflections a Keppel Bay collega coppie di torri curve con ponti a cielo aperto, che vengono assemblati a terra e disposti a diversi livelli tra le altezze. Il design di Studio Libeskind, integra i ponti nella sua silhouette multi-edificio a differenza delle nuove altezze di Chicago, dove piattaforme di ricreazione sono tipicamente collocate sul podio del garage. Poiché non ho visto questi edifici in prima persona, è chiaro che essi aprono nuove porte con filosofie innovative. Gli architetti di Chicago sono pienamente in grado di lavorare, come dimostrano i loro progetti internazionali. Ma spesso trovano i loro clienti d’oltremare più ricettivi alla sperimentazione di quelli che lavorano qui.

La Biennale di  Architettura di Chicago 2017 si prepara ad aprire, dunque la città occupa l’insolita posizione di maggiore innovatore nella tipologia orizzontale – più evidente nei paesaggi vivaci del Millennium Park, del sentiero 606 e del Riverwalk del centro – che in quella verticale. La crescita del Super Loop di Chicago è un vantaggio per la città. Ma l’architettura che si sviluppa verso l’alto, mentre c’ è un incremento dall’ultimo boom di edifici, rimane sottovalutata rispetto alle altezze dell’innovazione tecnologica ed estetica del passato della città. La Biennale potrebbe essere una vetrina per nuove idee e talenti architettonici, sta arrivando al momento giusto.