Stefano Boeri Architetti Milan

Stefano Boeri Architetti (SBA), Boeri Studio fino al 2008, ha sede a Milano e studi a Shanghai e Tirana ed è dedicato dal 1993 alla ricerca e alla pratica dell’architettura e dell’urbanistica. Tra i progetti più noti ci sono: il Bosco Verticale di Milano, il Piano Regolatore di Tirana, la Villa Méditerranée di Marsiglia e la Casa del Mare a La Maddalena.

Stefano Boeri Architetti fornisce servizi per la progettazione architettonica e urbana da oltre 20 anni, specialmente in progetti su larga scala, volti al rinnovamento dello spazio pubblico. Sviluppa progetti e strategie di rigenerazione in ambienti complessi, delineando le sinergie tra i vari soggetti interessati, pubblici e privati. Oltre a poter contare su un organico di oltre 40 collaboratori, nel processo di progettazione SBA collabora con una vasta rete di professionisti, dai consulenti tecnici agli architetti del paesaggio, agli esperti di scienze sociali, per fornire soluzioni ad hoc in una vasta gamma di territori e contesti socio-economici. Questo approccio aperto ha permesso allo studio di ampliare il proprio lavoro e collaborare con professionisti come Jeremy Rifkin, per sviluppare un concetto di pianificazione urbana per la terza rivoluzione industriale.

Completato nel 2014, il Bosco Verticale a Milano è un nuovo modello di residenza sostenibile in altezza, con due torri completamente ricoperte da oltre 700 alberi e 20.000 piante. Il Bosco Verticale ha vinto numerosi premi internazionali tra cui, nel 2014, l’High Rise Building Award, promosso dal Museo di Architettura di Francoforte, e nel 2015 il Premio CTBUH come miglior grattacielo del mondo, premio assegnato dal Council on Tall Buildings and Urban Habitat e dall’Illinois Institute of Technology, entrambe con sede a Chicago. Dopo questo primo modello di residenza sostenibile, lo studio ha recentemente vinto un concorso a Losanna, in Svizzera, per sviluppare ulteriormente il modello e costruire una torre residenziale alta 117 metri, che ospiterà oltre 100 alberi e sarà coperta da arbusti e piante su una superficie di 3.000 mq; l’inizio dei lavori è previsto per il 2017.

I progetti in Italia includono la ricerca di un modello di social housing eco-sostenibile, CASABOSCO, il design degli interni per le stazioni della nuova Società ferroviaria privata italiana NTV, la nuova sede di RCS – Corriere della Sera, il giornale più importante in l’Italia, e la ristrutturazione della sede TELECOM a Roma. Lo studio ha anche sviluppato il piano di linee guida generali e il concept per l’esposizione universale Expo Milano 2015, con Richard Burdett, Jacques Herzog e William MacDonough, e nel 2011 ha realizzato il masterplan del Distretto D4, per la riqualificazione di Skolkovo, a Mosca.

Un ambito di particolare interesse ed esperienza dello studio è lo sviluppo di masterplan e progetti architettonici sui waterfront, in Europa e lungo le coste del Mediterraneo, in città tra cui Genova, Napoli, Trieste, Cagliari, Salonicco, Metilene.

Tra gli altri progetti, la riqualificazione del porto a La Maddalena in Sardegna, realizzata per il vertice del G8 nel 2009, ha trasformato l’area da porto inquinato e militare a porto ecologico, attrezzato per il turismo. Il progetto include inoltre un albergo, un centro congressi e un edificio per conferenze e spazi commerciali.
Il progetto per il Centro regionale de la Mediterranee, sul lungomare di Marsiglia, ha aperto le porte in occasione dell’evento “Marsiglia Capitale della Cultura 2013”. Nel Golfo Persico, SBA ha progettato una grande sezione del nuovo porto di Doha in Qatar e di recente, ai Caraibi, sta ridisegnando l’intero lungomare dell’isola di Canouan nelle Grenadine.

Stefano Boeri Architetti è molto attivo in Cina. Dalla sede di Shanghai, in collaborazione con l’ufficio di Milano, lo studio sta sviluppando numerosi progetti tra i quali: la ristrutturazione della ex Borsa di Shanghai, da trasformare in un centro di scambio culturale; un’area ad uso misto a Guizhou, nella valle dei 10mila picchi, in cui è previsto nel piano urbanistico uno standard minimo di 8 mq di agricoltura e di verde, oltre a 8 arbusti, 2 alberi e 40 cespugli per ogni abitante; il progetto “Forest City“, presentato alla Conferenza sul Clima di Parigi (COP21) come modello di città sostenibile in grado di consumare tonnellate di CO2 e per produrre ossigeno, da realizzare nella regione tra Pechino-Tianjin-Hebei, una delle zone più inquinate del mondo.

Stefano Boeri Architetti è anche attivo sul fronte dei contenuti culturali e ha partecipato a mostre ed eventi internazionali: la Biennale di Architettura di Chicago, la Biennale di Venezia, la Biennale di Chengdu, la Settimana del Design di Pechino. I suoi progetti e le sue ricerche sono stati pubblicati in diverse riviste e giornali internazionali come A + U, Domus, Abitare, AREA, ARCHIS, ICON, Lotus, 2G, Russia Progetto, Codice Magazine, Perspecta, MIT Press, Harvard Design Magazine, Financial Times, Elle, Corriere della Sera, Repubblica, Architecture d’Aujourd’hui, Casabella, Domus, Archis, Werk Bauen und Wohnen, residenziali, Lotus International, 2G. Boeri ha esposto il suo lavoro in istituzioni come: Biennale di Venezia, la Triennale di Milano, Nederlands Architectuur Instituut, Ifa-Institute Français d’Architecture, Arc Enrêve Centro d’Architecture – Bordeaux, Tokyo Art anteriore Gallery.