photostudio

Stefano Boeri Architetti (SBA), con sede a Milano, con studi a Shanghai e Doha, (chiamato Boeri Studio fino al 2008) è dedicato dal 1993 alla ricerca e la pratica dell’architettura e dell’urbanistica. Tra i progetti più noti ci sono: il Bosco Verticale di Milano, il Piano urbano di Tirana in Albania 2030, la Villa Méditerranée di Marsiglia e la Casa del Mare della Maddalena.

Stefano Boeri Architetti ha fornito servizi per la progettazione architettonica e urbana per oltre 20 anni, specialmente in progetti su larga scala e il rinnovamento dello spazio pubblico. Sviluppa progetti e strategie di rigenerazione in ambienti complessi, che delinea e sostiene le sinergie tra i vari soggetti interessati, pubblici e soggetti privati. Contando su un organismo di oltre 40 collaboratori, nel processo di progettazione SBA collabora con una vasta rete di professionisti, dai consulenti tecnici e architetti del paesaggio, al specialista di scienze sociali, per fornire soluzioni ad hoc su una vasta gamma di territori e contesti socio-economici. Questo approccio alla collaborazione ha permesso allo studio di diffondere la sua pratica e di lavorare con professionisti come Jeremy Rifkin, per sviluppare un concetto di pianificazione urbana per la terza rivoluzione industriale.

Completato nel 2014 il Bosco Verticale, a Milano, è un nuovo modello di residenza sostenibile in altezza, con due torri completamente ricoperte di oltre 700 alberi e piante, Il Bosco Verticale ha vinto numerosi premi internazionali, tra cui l’alto edificio premio sponsorizzato dal Museo di Architettura di Francoforte nel 2014 e nel 2015 il Premio CTBUH, come miglior edificio alto in tutto il mondo promosso dal Consiglio per edificio alto e Urban Habitat e l’Illinois Institute of Technology entrambe con sede a Chicago. Dopo questo primo modello sostenibile di abitazioni, lo studio ha recentemente vinto un concorso, a Losanna, in Svizzera, per sviluppare ulteriormente questo modello e costruire una nuova torre residenziale alta 117 metri, che ospiterà più di 100 alberi e sarà coperto da arbusti e piante su una superficie di 3.000 mq; questa costruzione è prevista per il 2017.

I progetti passati in Italia includono una ricerca di un modello di social housing di basso, eco-sostenibile chiamato CASABOSCO, il design degli interni per le stazioni della nuova società ferroviaria privata italiana NTV, la nuova sede di RCS – Corriere della Sera – il giornale più importante in l’Italia e la ristrutturazione della sede TELECOM a Roma. Lo studio ha anche sviluppato il piano di linee guida generali e concept per Expo Milano 2015 esposizione universale con Richard Burdett, Jacques Herzog e William MacDonough, e il masterplan del Distretto D4, per l’innovazione della città Skolkovo, che si trova a Mosca nel 2011.

Inclusa nella esperienza e l’interesse dello studio e, lo sviluppo di masterplan e progetti architettonici incentrati sulla waterfront, in Europa e nelle coste del mare Mediterraneo, in città come: Genova, Napoli, Trieste, Cagliari, Salonicco, Metilene. E ‘di grande importanza il progetto per la ristrutturazione di La Maddalena in Sardegna Porto, eseguito per il vertice del G8 nel 2009, trasformandolo da un porto inquinato e militare in un porto ecologico e turistico orientato; il progetto comprendeva un albergo, un centro congressi, un edificio per conferenze e spazi commerciali. Il progetto per il Centro regionale de la Mediterranee sul lungomare di Marsiglia, ha aperto le sue porte in occasione del evento – Marsiglia Capitale della Cultura 2013. Nel Golfo arabo,  SBA ha progettato una grande sezione del nuovo porto di Doha in Qatar e di recente in America, nel Mar dei Caraibi, SBA sta ridisegnando l’intero lungomare dell’isola Canouan nella regione Grenadine.

Stefano Boeri Architetti è molto attivo anche all’estero, al di fuori dell’Europa, specialmente in Cina con sede a Shanghai, lo studio sta sviluppando numerosi progetti tra i quali: la ristrutturazione della ex Borsa di Shanghai in un centro di scambio culturale, uno sviluppo mix-use in Guizhou, nella valle 1000 Peaks in cui è inserito uno standard minimo di 8 mq di agricoltura e di verde, insieme a 8 arbusti, 2 alberi, 40 cespugli, per abitante nel piano urbanistico, il progetto “Forest City“, che è stato recentemente presentato al la Conferenza sul clima di Parigi (COP21), come modello di città sostenibile in grado di consumare tonnellate di CO2 e per produrre ossigeno, situata nella regione tra Pechino-Tianjin-Hebei, una delle regioni più inquinate del mondo.

Stefano Boeri Architetti è anche un produttore di contenuti culturali ed è stato invitato a mostre ed eventi internazionali: The Chicago Biennale di Architettura, la Biennale di Venezia, Biennale di Chengdu, Pechino Settimana del Design. I suoi progetti e ricerche sono stati pubblicati in varie riviste internazionali come: A + U, Domus, Abitare, AREA, ARCHIS, ICON, Lotus, 2G, Russia Progetto, Codice Magazine, Perspecta, MIT Press, Harvard Design Magazine, Financial Times, Elle, Corriere della Sera, Repubblica, Architecture d’Aujourd’hui, Casabella, Domus, Archis, Werk Bauen und Wohnen, residenziali, Lotus International, 2G e ha esposto il suo lavoro in istituzioni come: Biennale di Venezia, la Triennale di Milano, Nederlands Architectuur Instituut, Ifa-Institute Français d’Architecture, Arc Enrêve Centro d’Architecture – Bordeaux, Tokyo Art anteriore Gallery.