Expo Milano 2015_Presentation at BIE in ParisExpo Milano 2015_Presentazione al BIE di Parigi

July 7, 2010

On Tuesday 1st july, Stefano Boeri presented some new steps of Expo Milano 2015 masterplan in Paris at BIE, Bureau International des Expositions. Some extracts of the presentation are following. The video version of the presentation at stefanoboeri.net.Giovedì primo luglio Stefano Boeri ha presentato a Parigi, presso il BIEBureau International des Expositions, le nuove fasi del masterplan per Milano Expo 2015. Di seguito alcuni estratti della presentazione. La versione video è disponibile su stefanoboeri.net.

Milan Expo will be the first example of a new idea of universal exhibitions. In 2015 the entire world will come to Milan to take part in the realisation of a huge botanical garden. A Planetary Garden in which all the Countries of the world are called to show their resources and their ability to face the challenge of sustainable, nutrition for all.

In these months, in the passage from the concept plan delivered in 2009 to the master plan submitted to the BIE in April 2010, we have been working to strengthen the idea of an exhibition site able to become a whole with the theme of nutrition. An exhibition site where national pavilions will not be closed within buildings, in fact they will be provided with an entire plot of cultivable land each.

A piece of land where each country of the world will be able to cultivate its own agricultural products, display its own agricultural and food biodiversity and also realise extraordinary greenhouses and futuristic pavilions in which to host cutting-edge sustainable technologies able to face the nutrition challenges of guaranteeing food security to all people of the world.

Each lot of land, i.e. each Country of the world, will be located on the large pedestrian boulevard called the World Avenue that will represent an extraordinary stage from which it is possible to observe and compare researches, proposals and best practices of the entire world on nutrition and sustainable energy.

The great challenge of nutrition will be directly experienced by the visitor live and in real time. Visitors will have the chance to enjoy and taste food from all over the world sitting at a more than one-km-long table; or entering in the Countries’ exhibition spaces where they can see the most advanced agriculture and food production technologies.

They will also have the possibility to follow the processes of food production and transformation, and experience in person the most extraordinary energy innovations.

Nearby pavilions and lots, a ring of navigable canals – a typical element of Italian landscape – allows visitors to explore the different parts of the Expo area.

On the borders of one of these navigable canals surrounding the exhibition site, will be built a residential village for the delegations from guest Countries. The project of the village, looking over the canal, will be developed through a competition among the world best architects.

Italy’s exhibition area, located on a perpendicular boulevard connecting the Media Centre and the artificial lake, will showcase the cultivable land to describe the excellent products of agricultural and food production of the Italian regions. At the end of the Boulevard Palazzo Italia will also host international delegations meetings in an architecture nearby the lake.

The great challenge of nutrition and sustainable energy will have, an appropriate in-depth analysis in thematic pavilions placed in Northern part of the site, and adiacent Fiera di Milano area spaces. In this location some great issues connected with the one of nutrition will be presented and discussed, among these:

  • the issues of water resources distribution and seed patents

  • the remarkable paradox deriving from the waste of food in wealthier Countries and hunger affecting 1 billion of people in poor, countries;

  • the threat of desertification and greenhouse effect and its impact on agriculture, but also the use of technologies altering trees genetic code and the choice of clean technologies,

  • sustainability as balaced relathonship between the human being and the nature

Very close to the thematic pavilions and the Fiera area, within a large Performance Centre, the key issues, connected to the theme, will be the focus of public conferences where thousands of young people and visitors will witness the visions of the future presented by the great protagonists of our era: scholars, politicians, artists and scientists.

The southern area of the Planetary Garden will be dedicated to bioclimatic greenhouses. Large greenhouses, more than 50 metres tall, will be one of the main attractions of Expo. Within them visitors can experience a walk in the most typical and extreme landscapes of the planet, discovering how food production processes can turn climatic conditions and geographical biodiversity into resources for food production. The five agricultural and food biospheres of the EXPO will not only allow people to travel among the climates and vegetations of the planet, but also offer great formative, scientific and entertaining experiences.

One of the greenhouses will reproduce the rainforest to showcase how in different areas of the planet, wet tropical climate allows important and crucial cultivations such as the ones of rice, sugar cane, coffee and cocoa.

Beside, another large greenhouse will reproduce a dry tropical environment such as the savana and also in this case visitors will have the chance to witness cultivation practices such as the ones of cotton, sunflowers, millet, barley, agaves, soy and maté.

Even more spectacular will be the experience within the greenhouse dedicated to desert climates and to advanced technologies that allow the cultivation of chickpeas, legumes and palm plantations.

In southern part of the site, a terraced hill will reproduce the typical Mediterranean landscape made of olive trees terraces and vineyards.

Further North instead there will be a wide area dedicated to typical cultivations of wet warm climate such as the one of the Po Valley and the moorlands, hosting cultivations of wheat, barley, rice, corn, peas, beans and potatoes.

This innovative Thematich-Scientific Park will be one of the main legacies of EXPO 2015 to the city of Milan and Italy. A place of entertainment, study and knowledge sharing, that will draw every year to northern Italy millions of visitors in addition to young scholars from the main research centres and international universities.

But the whole Planetary Garden, not only the Thematic Park of Nutrition will remain as vital and productive legacy including a Museum of Nutrition ad a Centre for Sustainable Development, that will be realized in collaboration with many developing Countries.

The legacy of EXPO Milano 2015 is not only concentrated in the site, rather it will be projected in the surrounding territory. In 2015 the realization of a large urban park of 800 hectares that is to connect, following the historical system of canals, conceived by Leonardo Da Vinci, the EXPO site, with Navigli, will be completed. And also 59 town farmhouses, constellating the city as satellites, will be rectructured to be proposed as public spaces for agriculture, but also to provide accommodation to young people and social activities.

The legacy of EXPO Milano 2015 will be both the innovative relationship between the chosen theme and the exhibition site, and a model of sustainability conceived and designed since the beginning as an infrastructure set to last and produce rich cultural attractions. EXPO Milano 2015 aims at unleashing– well after the six months event – the dynamic and entrepreneurial force of Italian and international food production and supply sector and the universe of the regional, national and multi-ethnic catering industry. An EXPO that will remain active and attractive for many years and that with your precious and necessary help will open a new phase in the history of universal exhibitions.

-

(for the images expo_01,02,03,07,08,09,10,12,13,14,15,22,23,24,25,26,27, credits: Ufficio di Piano Expo Milano 2015)

(for the images expo_04,05,06,16,17,18,19,20,21,28, credits: Politecnico di Milano- DIAP-Multiplicity.Lab)


L’Expo di Milano sarà il primo esempio di una nuova generazione di esposizioni universali. Nel 2015 il mondo intero verrà a Milano per partecipare alla realizzazione di un immenso orto botanico. Un orto planetario, nel quale tutti i Paesi del mondo saranno chiamati a mostrare le loro risorse e le loro capacità per affrontare la grande sfida di una nutrizione equa e sostenibile

Nel corso di questi mesi, nel passare dal concept plan presentato nel settembre 2009 al master plan consegnato alla BIE nell’aprile 2010, abbiamo lavorato per dare forza e concretezza a questa idea. Abbiamo lavorato per dare forza all’idea di un sito espositivo che diventerà tutt’uno con il tema della nutrizione. Un sito espositivo nel quale i padiglioni nazionali non saranno rinchiusi dentro degli edifici, ma avranno a disposizione ciascuno un intero lotto di terra coltivabile..

Un pezzo di terra dove ogni Paese del mondo potrà coltivare i propri prodotti agricoli, mostrare la propria biodiversità agroalimentare, ma anche realizzare spettacolari serre e padiglioni avveniristici in cui ospitare le tecnologie più avanzate e sostenibili per affrontare il grande problema della nutrizione e della fame nel mondo.

Ogni lotto di terra, cioè ogni Paese del mondo, avrà un affaccio sul grande boulevard pedonale che abbiamo chiamato “viale dei popoli” e che rappresenterà uno straordinario palcoscenico da cui osservare e mettere a confronto le ricerche, le proposte e le eccellenze del mondo intero nel campo della nutrizione e dell’energia sostenibile.

La grande sfida dell’alimentazione non sarà dunque simulata o descritta con filmati e diagrammi (qualcosa che ognugno di noi può oggi vedere sul proprio mobile phone) ma si metterà in scena dal vivo, e in tempo reale. I visitatori potranno gustare e provare i cibi di tutto il mondo sedendosi ai bordi di un tavolo lungo più di un chilometro; oppure entrare lateralmente nei lotti dei Paesi dove potranno vedere all’opera le tecnologie più sofisticate per la coltivazione.

Oppure ancora seguire i processi di trasformazione dei prodotti agricoli in cibo e sperimentare sulla propria pelle le più straordinarie innovazioni in campo energetico. Ogni lotto nazionale sarà insomma un vero e proprio parco a tema, ricco di attrattività, di momenti di svago e intrattenimento, ma anche di spazi per l’educazione e la conoscenza, che darà lustro e visibilità alla presenza di ogni Paese.

Attorno ai padiglioni e ai lotti, un anello di canali navigabili – un elemento caratteristico del paesaggio italiano- permetterà ai visitatori di muoversi e di attraccare nelle diverse parti dell’Expo.

Lungo uno di questi canali navigabili verrà realizzato un villaggio residenziale per le delegazioni dei Paesi partecipanti. Il progetto del villaggio affacciato sull’acqua sarà affidato, attraverso un bando di concorso, ai migliori architetti del mondo.

Anche la presenza italiana, che avrà a disposizione il boulevard perpendicolare al “viale dei popoli”, quello che collega il media center con il lago artificiale, sfrutterà la terra coltivabile per descrivere le eccellenze della produzione agroalimentare delle regioni italiane. A conclusione del Boulevard, il Palazzo Italia ospiterà in un’architettura aperta sul lago gli incontri tra le delegazioni internazionali.

La grande sfida della nutrizione e dell’energia sostenibile avrà nei padiglioni tematici, posti a nord del sito e negli spazi della vicina Fiera ogni opportuno approfondimento. Qui, oltre che nei lotti dei Paesi, verranno presentate e discusse alcune grandi questioni connesse al tema dell’alimentazione:

il tema della distribuzione delle risorse idriche e la grande questione della proprietà delle sementa. –il grande paradosso che deriva dal confronto tra lo spreco di cibo da parte dei paesi più ricchi e la drammatica sotto-nutrizione che riguarda un miliardo di abitanti dei paesi più poveri del mondo;

la grande minaccia della desertificazione e dell’effetto serra e i suoi effetti sull’agricoltura;

l’uso di tecnologie che alterano il codice genetico delle piantumazioni e l’utilizzo di tecnologie pulite in sostituzione dei pesticidi.

Questi grandi temi verranno discussi insieme alle aziende agroalimentari nazionali e multinazionali, alle comunità di contadini e ad esperti nel settore botanico e dell’alimentazione.

A pochi passi dai padiglioni tematici e dalla Fiera, all’interno del grande Performance Center, temi come quelli della fame, dello spreco di risorse, dell’energia sostenibile alimenteranno una serie di grandi conferenze pubbliche dove migliaia di giovani e di visitatori potranno assistere alle visioni del futuro presentate dai grandi protagonisti della nostra epoca: studiosi, politici, artisti, scienziati. L’Expo di Milano sarà dunque un grande palcoscenico dove le migliori idee sul futuro dell’umanità verranno messe a confronto e rilanciate in tempo reale in tutto il pianeta.

Nell’orto planetario che si realizzerà a Milano nel 2015, la zona più a sud sarà occupata da grandi serre bioclimatiche. Le grandi serre alte più di 50 metri costituiranno una delle principali attrattive dell’Expo. Al loro interno, i visitatori potranno vivere l’esperienza di camminare entro i paesaggi più caratteristici e estremi del pianeta, scoprendo ogni volta come l’agricoltura, la zootecnia e la pesca sanno trasformare i vincoli climatici e le biodiversità geografiche in risorse per la produzione di cibo.

In una di queste grandi serre verrà riprodotta una porzione di foresta pluviale e verrà mostrato come in parti diverse del pianeta, il clima tropicale umido permette coltivazioni importanti e cruciali come quelle del riso, della canna da zucchero, del caffè, del cacao.

A pochi passi, un’altra grande serra ospiterà la riproduzione di un ambiente tropicale secco, come la savana e anche in questo caso, i visitatori potranno toccare con mano le pratiche di coltivazioni del cotone, del girasole, del miglio, dell’orzo, dell’agave, della soia e del matè.

Ancora più spettacolare e interessante sarà l’esperienza entro la serra dedicata ai climi desertici e alle sofisticate tecnologie che oggi permettono di coltivare ceci, legumi e piantagioni di palme.

Accanto alle grandi serre bioclimatiche, verranno realizzati due paesaggi agricoli a cielo aperto. A sud, a concludere con una collina terrazzata l’area dell’EXPo, verrà riprodotto il paesaggio tipico per terrazzamenti di olivi e vigneti dell’ambiente mediterraneo.

Più a nord, sarà invece una grande area di coltivazioni tipiche dei climi temperati umidi, come la pianura padana o la brughiera, a ospitare coltivazione per produrre frumento, orzo, riso, mais, piselli, fagioli e patate.

L’esperienza educativa e di intrattenimento che questo grande Parco Scientifico sul Tema agroalimentare offrirà ai visitatori dell’EXPO, potrà immediatamente dopo la grande esposizione affiancarsi alla ricerca applicata nei campi della botanica, della biologia molecolare e delle scienze dell’alimentazione.

La realizzazione del primo Parco Scientifico dell’Alimentazione del mondo sarà dunque una delle principali eredità che l’EXPO lascerà a Milano e all’Italia. Un luogo di intrattenimento, divulgazione e studio che attirerà ogni anno nel nord Italia milioni i visitatori, oltre che giovani ricercatori provenienti dai principali centri di ricerca e università internazionali.

Ma l’intero Orto Botanico Planetario, non solo il Parco dell’Alimentazione, resterà in eredità a Milano come un ambiente vitale e produttivo, dove troverà posto un grande Museo dell’alimentazione e un Centro per lo Sviluppo Sostenibile, che svilupperà le ricerche sull’alimentazione e l’energia promosse in collaborazione con i principali Paesi in via di sviluppo. L’eredità dell’EXPO non si consumerà dunque solo nel sito, ma si proietterà nel territorio circostante. Per il 2015 verrà ultimata la realizzazione di un grande parco urbano di 800 ettari che connetterà, seguendo il sistema storico dei canali e delle vie d’acqua milanesi, concepiti da Leonardo Da Vinci, il sito dell’Expo con i Navigli storici di Milano. E inoltre avvierà la riqualificazione delle 59 cascine di proprietà comunale che costellano come satelliti la città e che saranno rilanciate come luogi pubblici per l’agricoltura di prossimità, l’ospitalità ai giovani e l’assistenza ai più deboli.

L’Expo del 2015 non sarà dunque solo la prima esposizione ad inaugurare un nuovo modo di concepire il rapporto tra il tema scelto e il sito espositivo. Sarà anche un modello di Expo sostenibile, perché pensata e progettata fin dall’inizio per essere una grande infrastruttura destinata a durare nel tempo e a produrre cultura, attrattività e ricchezza. Un’Expo capace di sprigionare – ben oltre i sei mesi dell’evento – la sua forza dinamica e imprenditoriale nei confronti delle aziende agricole lombarde, italiane ed internazionali, delle grandi società che operano nel mercato della distribuzione di cibo, e dei variegati soggetti che gestiscono il mondo della ristorazione regionale, nazionale e multietnica. Un’EXPO che resterà viva e attrattiva per molti anni e che, con il vostro prezioso e necessario aiuto, aprirà una nuova fase nella storia delle esposizioni universali.

-

(per le immagini expo_01,02,03,07,08,09,10,12,13,14,15,22,23,24,25,26,27, crediti: Ufficio di Piano Expo Milano 2015)

(per le immagini expo_04,05,06,16,17,18,19,20,21,28, crediti: Politecnico di Milano- DIAP-Multiplicity.Lab)

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.