BOSCO VERTICALE VINCE IL INTERNATIONAL HIGH-RISE AWARD 2014

novembre 19, 2014

Francoforte, 19 Novembre 2014 – Questo pomeriggio la giuria internazionale per il prestigioso “International Highrise Award” promosso dal Museo di Architettura di Francoforte (DAM), il Comune di Francoforte e DekaBank, ha annunciato che il Bosco Verticale (il Bosco Verticale) di Milano è il vincitore del premio biennale che viene assegnato al più bello e innovativo grattacielo nel mondo.

Grazie alla sua forza innovativa, per il fatto di aver portato  800 alberi e 14 mila piante al cielo di Milano, il Bosco Verticale, disegnato e progettato da Boeri Studio e prodotto da Hines Italia SGR, nel quartiere di Porta Nuova Isola a Milano, ha stupito la giuria. Il presidente Christoph Ingenhoven ha dichiarato: “Il Bosco Verticale è una espressione del bisogno umano di contatto con la natura. Si tratta di un concetto radicale e audace per le città di domani, e senza dubbio rappresenta un modello per lo sviluppo delle aree urbane densamente popolate in altri paesi europei “.

Il suo creatore, Stefano Boeri ha dichiarato: “La foresta verticale rappresenta un nuovo approccio alla costruzione del grattacielo, gli alberi e gli esseri umani condividono il loro spazio di vita. E ‘il primo esempio a livello mondiale di una torre che esalta la città e la biodiversità della fauna selvatica. Sono felice per Milano e dell’Expo, e per la cultura italiana. ”

Nell’ultima edizione, DAM ha giudicato oltre 800 edifici alti costruiti nel corso degli ultimi due anni in tutto il mondo, andando a scegliere 26 complessi residenziali, da cui sono stati selezionati cinque finalisti nel mese di settembre per la lista. Così come il Bosco Verticale, ciò ha incluso “De Rotterdam” a Rotterdam, Paesi Bassi (151,3 metri) prodotta dal Office for Metropolitan Architecture (OMA) di Rotterdam; “One Central Park” a Sydney, Australia (64,5 metri e 116 metri) realizzato da Ateliers Jean Nouvel  di Parigi; “Renaissance Barcelona Fira” di Barcellona, ​​Spagna (105 metri) realizzato da  Ateliers Jean Nouvel di Parigi; “Fette porosità Block” a Chengdu, Cina (123 metri), realizzato da Steven Holl Architects di New York.