Sustainable Dystopias – Abitare at Biennale di VeneziaDistopie Sostenibili – Abitare alla Biennale di Venezia

March 16, 2008

Abitare will be presenttroughout the 11st Venice Architecture Biennale. In the Italian Pavilion, which standsat the entrance to the Biennale Gardens, there will be the Experimental Architecture exhibition curated by Aaron Betsky with Emiliano Gandolfi. Here Abitare has its own room devoted to contemporary Dystopias created by the politics and the rhetoric linked to sustainability.Abitare è presente alla 11. Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia. Nel Padiglione Italia, all’ingresso dei Giardini della Biennale, dove è allestita la sezione Experimental Architecture curata da Aaron Betsky con Emiliano Gandolfi, Abitare occupa una stanza dedicata ad alcune delle Distopie contemporanee prodotte dalle politiche-e dalle retoriche-sulla Sostenibilità.

L’installazione che nasce da una riflessione sulle nuove prospettive del rapporto tra natura e città, è stata condotta insieme alla redazione della rivista Volume a partire dall’editoriale (“Per un’etica urbana non antropocentrica”) pubblicato sul numero 481 di Abitare. L’allestimento raccoglie all’interno di tre cubi-libreria una serie di materiali (modelli, libri e un archivio di progetti, notizie e iniziative) che raccontano alcune delle visioni più radicali sulla questione della sostenibilità. Scenari estremi che potranno spingere le nostre città verso prospettive di miglioramento generale della qualità della vita o, al contrario, sulla base di poche variabili per altro oggi imprevedibili e incontrollabili, verso scenari degenerativi e in sostanza invivibili.

A rammentare la labile differenza tra utopie e distopie urbane, sulla parete al centro dell’installazione viene proiettato un filmato realizzato da Armin Linke (in collaborazione con la Karlsruhe University of Art and Design) che documenta l’invasione degli stormi nei cieli romani e le spedizioni compiute per allontanarli.

Informazioni Progetto

luogo: Venezia, Milano
anno: 2008
incarico:
superficie costruita:
importo:

Progetto architettonico:
BOERI STUDIO (Stefano Boeri, Gianandrea Barreca, Giovanni La Varra)
Team:
The Abitare installation, which has is origins in debates and new perspectives around the relationships between nature and the city, in which took the form of an editorial published in mo. 481 of Abitare and has developed in tandem with journalists from Volume magazine. The exhibition, within three bookstore cubes, brings together a series of radical material around the issue of sustainability (models, books, project archives, news).

A series of extreme scenarios might push out cities towards an increase in the general quality of life or, on the contrary, towards different outcomes – which are difficult if not impossible to both control and to predict, which would lead to decline and degeneration and make these places unlivable.
As a way of illustrating the fine line between urban utopias and dystopias, a film made by Armin Linke (in collaboration with Karlsruhe University of Art and Design) will be projected on the wall at the centre of the installation. The film shoows the way in which flocks of birds invade Roman skies and the tactics used to shift them away.

Project Information

location: Venezia, Milano
year: 2008
commission:
built area:
budget:

Architectural Design
BOERI STUDIO (Stefano Boeri, Gianandrea Barreca, Giovanni La Varra)
Team:

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.